Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Uomo-in-SPA, trattamenti estetici uomo, preferiti, pulizia viso uomo, massaggi uomo,

 

 

Bisognerebbe essere davvero molto distratti, per non vedere quante attenzioni sono riservate all’uomo in ambito estetico e cosmetico.
Senza dubbio, si tratta di un interesse reciproco e siamo piuttosto lontani dai timidi approcci iniziati più di dieci anni fa.
Non è un caso che l’evento fieristico più importante e atteso del settore, il  Cosmoprof  ( Bologna  9 – 12 Marzo 2012 ),  da qualche anno venga sponsorizzato tramite locandine, che ritraggono anche modelli perfettamente epilati e con un leggero make up agli occhi, mentre se ci spostiamo in ambito editoriale, ma continuando a rimanere su livelli di eccellenza, notiamo come il periodico Les Nouvelles Esthetique, continui a riservare ampio spazio ad articoli e dossier all’estetica maschile, fino a dedicargli la copertina e un intero fascicolo.

 

 

 

 

 

 

 

 

In Italia, nonostante ciò, esistono ancora molti centri estetici e istituti di bellezza dove gli uomini accolti sono quasi esclusivamente  mariti, figli o amici fidati delle clienti; una scelta delle titolari vissuta come indispensabile per mantenere il clima di armonia, instaurato con le clienti dopo anni di attività.

Sono allora le donne a non accettare la presenza dell’uomo in un contesto ritenuto femminile?

E’ solo il disagio naturale vissuto nei momenti di transizione  oppure c’è dell’altro?

Premettendo che esistono delle piccole differenze tra una regione ed un’altra, determinate da cultura e stili di vita non proprio uguali, bisogna ammettere che ancora oggi  i servizi offerti agli uomini, negli istituti di bellezza, sono offuscati da un alone di ambiguità, alimentata dall’esistenza di centri estetici di copertura e annunci che offrono prestazioni sessuali  presentandoli come trattamenti estetici.
Se dovessi basarmi solo sulla mia esperienza e su quelle delle mie colleghe in Istituto, non potrei delineare un quadro positivo. Sono state fin troppe, a mio avviso, le telefonate ricevute da uomini che chiedevano “massaggi all’inguine” o informazioni riguardo i massaggi su tutto il corpo: “Ma su tutto il corpo? Cioè…tutto, tutto?”.

Così come le esperienze di colleghe che in cabina, a trattamento iniziato, si sono rese conto delle reali intenzioni del cliente; equivoci alimentati, ahimè, dalla scarsa o nulla professionalità di poche donne, che in questo caso non amo definire neanche estetiste, le quali hanno contribuito a screditare con il loro comportamento, una professione bella e importante come la nostra.

Sono sempre più numerosi, però, gli  Istituti di Bellezza  che accolgono con fiducia la popolazione maschile, che in media costituisce il  20 %  della clientela complessiva.

I dati cambiano in maniera considerevole, prendendo in esame l’affluenza in hotels con SPA e Beauty Farm, soprattutto quelle collegate ad un centro termale, dove la percentuale si alza fino al 40 – 60 %.

Questa differenza è determinata essenzialmente da due fattori:

  1.     l’uomo predilige tutto ciò che riguarda il benessere ed il rilassamento;
  2.     queste strutture sono frequentate per il 60% da coppie, il che rende difficile capire se e in che misura, gli uomini siano indotti dalle compagne ad usufruire dei servizi.


Sembra invece che la percentuale di clienti di sesso maschile, i quali si recano in maniera autonoma in un Centro Benessere, si sia stabilizzata intorno al 5%.

Preferenze e richieste della clientela maschile

massaggio-al-piede, uomo, massaggi uomo, preferiti uomo, pulizia viso uomo, istituti di bellezza, trattamenti uomo

 

Gli uomini sono molto selettivi  e,  rispetto alle donne,  più restii  ad  affidarsi alle cure estetiche di una professionista, se non sono adeguatamente informati sul suo conto.

Una volta ottenuta la sua fiducia, è un cliente molto fedele, anche perché a differenza della donna non è curioso di provare nuovi Istituti di bellezza, ma per le stesse ragioni potrebbe contrariarsi molto se gli viene negata la sua estetista preferita.

Gli uomini disdicono un appuntamento raramente e la maggior parte di loro sono molto più esigenti e abitudinari delle donne. Oltre a tutto ciò non tollerano il minimo ritardo, soprattutto perché non amano rimanere in sala d’aspetto quando ci sono clienti donne.

 

 

 

Prediligono i trattamenti che offrono il massimo benessere e relax, quindi richiedono spesso i massaggi, ma scelgono quelli che rilassano e decontraggono schiena e zona cervicale; amano i massaggi distensivi del viso; curano mani e piedi con le classiche procedure, ma chiedono frequentemente anche dei rituali Spa.

Il massaggio del dorso con spremitura dei comedoni è una prerogativa della clientela maschile e pare che sia abbastanza comune tra loro una preferenza per il massaggio femminile, purché caratterizzato da un tocco energico.

Molti titolari di istituti all’avanguardia, sostengono di aver notato negli uomini una  certa diffidenza nei confronti della tecnologia: sembra che le richieste più frequenti riconducano alla cura del viso e che siano molto apprezzati i trattamenti specifici anti-age, detossinanti, rigeneranti per cute stressata e tutti i trattamenti che riducono borse sotto gli occhi. Qualsiasi trattamento, comunque, per essere pienamente gradito non dovrebbe durare più di 30-45 minuti.

I clienti più giovani e in particolar modo gli adolescenti, si rivolgono all’estetista per una pulizia del viso profonda e accurata, mentre clienti di tutte le età sembrano non poter rinunciare all’epilazione su schiena e torace ( o su tutto il corpo, se si tratta di sportivi ), al rimodellamento e cura delle sopraciglia e all’abbronzatura in qualsiasi stagione.

Aumentano le richieste di trattamenti per il dimagrimento del punto vita, in virtù del fatto che grazie al crollo di certi tabù, anche l’età media dei clienti uomini si sta alzando notevolmente.

Come si conquista il cliente maschio ( e come si rischia di perderlo )

Numerose aziende di prodotti professionali hanno ideato nuovi protocolli per l’uomo e si prevede un incremento di tale tendenza nei prossimi anni.

I clienti, infatti, hanno mostrato di apprezzare questa distinzione e la percepiscono come un atto di attenzione nei confronti  delle loro differenti caratteristiche ed esigenze.

Ogni proposta per un nuovo protocollo o un’argomentazione di vendita, deve essere sintetizzata in pochi minuti, utilizzando un linguaggio semplice e un lessico che punta sulla salute piuttosto che sulla bellezza. L’uomo non ama parlare e apprezzerà  l ‘estetista che non tenta di intavolare conversazioni per far passare il tempo, che si rivolgerà a lui con un tono di voce sicuro e che lo accoglierà in istituto senza troppa familiarità. Tutta questa esigenza di concretezza, però, conduce ad una caratteristica peculiare del cliente uomo, la quale rischia di farvelo perdere se non la rispettate.

La clientela maschile non accetta bugie e mezze verità: con lui è meglio essere totalmente sincere sui risultati tangibili che un trattamento può offrire, perché in caso contrario non accetterà scuse.

Per concludere: sembra che gli uomini preferiscano Istituti in stile zen, musica classica o jazz, una cabina dedicata a loro, succhi di frutta invece di tisane e le estetiste con un abbigliamento professionale di colore scuro.

Direi che hanno le idee molto chiare: benvenuti!

 

 

Fotografia 1: photostock / FreeDigitalPhotos.net
Fotografia 2: healingdream / FreeDigitalPhotos.net

 

N.B. questo articolo è presente sul blog " Una Mammetta Pasticciona "

 



Tag(s) : #Estetica e Cosmetica Uomo

Condividi post

Repost 0
Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti: