Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

kenzo parfums, Kenzo Homme Eau de Toilette Boisée

 

 

 

Il lancio di Kenzo Homme Eau de Toilette Boisée  è relativamente recente, in quanto si cominciò a trovare in vendita presso le profumerie, durante l’inizio autunno del 2010.
Ricordo che ho aspettato con una certa curiosità il momento di poterlo annusare, in quanto conoscevo un poco le fragranze di Kenzo e, sapendo che dobbiamo a lui la creazione del primo profumo maschile oceanico, consideravo la possibilità di poter annusare qualcosa di davvero originale.
Kenzo Homme Eau de Toilette Boisée   non si rivelò, alla fine, una grande innovazione e credo che non sia riuscito neanche ad eguagliare Kenzo pour homme, ma lo trovo ugualmente piacevole e forse la mia indulgenza è condizionata dal fatto che, trattandosi di un profumo per uomo, lo vivo con discreto distacco.

Si tratta di una fragranza legnosa creata da Olivier Polge, il profumiere che ci ha regalato meravigliosi accordi di essenze quali Dior Pure Poison nel 2004 e Dior Homme  nel 2005.
Appena vaporizzato sulla pelle la fragranza appare speziata e fresca grazie al pepe e soprattutto alla menta, una nota molto intensa e quasi pungente pungente, tanto che io ho faticato un poco a sentire l'odore di basilico; ho notato che nelle fragranze  Kenzo si percepiscono in maniera più distinta gli odori genuini delle note. Non immaginate però una fragranza da caramella mentolata dato che in Kenzo Boisée la menta è accompagnata dalla virilità del vetiver che si sprigiona fin dall’inizio, nonostante quest’ultima nota si trovi tra quelle di fondo. Inizialmente appare come un profumo dai toni verdi piuttosto che legnosi e che virano in misura maggiore sugli aromi delle erbe essiccate. Molto lentamente il profumo di menta si affievolisce, il vetiver assume un tono più profondo ed intenso, che continua a primeggiare anche quando, sprigionate le note di fondo, si avverte un poco il cedro. Lo trovo un profumo piuttosto lineare, ma non in senso negativo; credo che si avvertano pochi e lievi cambiamenti man mano che le diverse note si sprigionano e che rimanga essenzialmente una fragranza al vetiver di ottima qualità.

Le persone che confrontano Kenzo Boisée con KenzoHomme, come la sottoscritta, probabilmente daranno recensioni negative, ma non necessariamente sarà una grande delusione per tutti, fintanto che non si aspettano qualcosa di unico come accadde nel 1991.
Le due fragranze non  hanno nulla in comune  e l'unica vera somiglianza è costituita dalla forma della bottiglia che in Kenzo Boisée diventa marrone e con un motivo a foglie stilizzate scolpite sopra. Soffermarsi troppo sul paragone, comunque, non rende giustizia ad una fragranza piacevole e fresca, che secondo me  rappresenta bene un uomo elegante e curato, ma molto casual. La persistenza poi è davvero ottima. Potete trovare l’eau de Toilette 30, 50 e 100 ml.

fotografia: kenzoparfums.com

Tag(s) : #Profumi

Condividi post

Repost 0
Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti: