Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

 

argilla-verde--areata--bianca--pelle-impura-e-grassa--masch.jpg

 

 

 

 

Adoro la maschera all’argilla !


Fino a poco tempo fa utilizzavo quasi esclusivamente quella verde “areata” e, credetemi, ho effettuato impacchi ovunque….l’ho anche bevuta!


Ebbene si, perché l’argilla possiede mille virtù, ma è sempre consigliabile documentarsi prima e con attenzione, se la si vuole ingerire.


Qui parlerò del mio amore per l’argilla come materia prima per fantastiche maschere.

 

 

 

 

 

 

 



Ho la pelle mista, quindi perennemente impura nella famosa zona T (fronte, naso, mento); ho provato di tutto!

E dopo numerosi tentativi, ma soprattutto dopo gli studi di estetica, ho capito che con il proprio tipo di pelle bisogna conviverci limitando i danni.
Concordo con chi ha detto che i punti neri vanno via solo meccanicamente, ma dopo questa operazione, o tutte le volte che ne sentiamo la necessità, non c’è niente di meglio di una maschera che sfrutti il potere purificante ed assorbente dell’argilla verde.

 

                                                                                                                   

 

Come si prepara?


Per prima cosa procuratevi una piccola ciotola di terracotta o di vetro ed un cucchiaio di legno (nessuno di questi oggetti deve essere di metallo).


Versate due cucchiai di argilla nella ciotola (dopo la prima volta vi regolerete a seconda dei vostri gusti),
aggiungete una piccolissima quantità di crema idratante (piccola come un cecio) e, poco per volta, tanta acqua quanto basta per formare una cremina non troppo densa che applicherete sul viso e sul collo (anche sul décolleté se avete tempo e voglia).


Si lascia in posa fino a quando non sentite che inizia a tirare la pelle , quindi si asporta sciacquando delicatamente.

Ricordo che da ragazzina la tenevo in posa finché non diventava secca, ma non è un procedimento corretto in quanto l'argilla verde, soprattutto se areata, è troppo "aggressiva" per l'epidermide.

 

Si può ripetere da una a due volte la settimana, secondo il tipo di pelle, più o meno grassa.
A me hanno insegnato ad aggiungere anche un po’ di tonico non alcolico e che contiene estratti come la camomilla, la malva, l’ hamamelis (ovviamente diminuendo la quantità di acqua).
La crema idratante serve a rendere il composto meno “aggressivo” ed a conferire alla maschera le proprietà idratanti di cui una pelle mista ha bisogno.


Oltre all'argilla verde esiste quella bianca, più difficile da trovare, ma senza dubbio più delicata e indicata per le pelli secche.

 

 

Image: africa /  FreeDigitalPhotos.net


Tag(s) : #Bellezza fai da te

Condividi post

Repost 0